Museen Venedig

| Biennale Venedig | Kulturveranstaltungen in Venedig | Kunst und Kultur in Venedig | Ausstellungen in Venedig

Kunst und Kultur: detail


06 Januar 2013

VENETIAN CIVIC MUSEUMS

I MUSEI DI PIAZZA SAN MARCO
Palazzo Ducale
È il luogo - simbolo della città. Per ottocento anni, nelle diverse fasi del suo sviluppo, è sede del Doge e delle magistrature statali, rappresentazione altissima della civiltà veneziana, della sua storia culturale, artistica, militare, politica, economica.
Tutte le epoche storiche vi sono rappresentate in una straordinaria stratificazione di elementi costruttivi e ornamentali: dalle antiche fondazioni originarie al magnifico assetto gotico dell'insieme; dalle enormi sale della vita istituzionale della città, superbamente decorate da grandi maestri tra cui Tiziano, Veronese, Tiepolo, Tintoretto, alle preziose stanze dell'Appartamento del Doge; dalle inquietanti prigioni alle luminose logge sulla Piazza e sulla laguna.
Più prezioso di una reggia, più monumentale di un palazzo pubblico, più elegante di una dimora principesca, Palazzo Ducale ha soprattutto conservato tutto il fascino e la suggestione di uno dei più splendidi edifici mai costruiti: intorno ad esso sono fiorite leggende e si sono consolidati i miti che hanno fatto grande e celebre Venezia e il suo governo millenario.
Perfettamente conservato grazie a un'incessante attività di manutenzione e restauro, consente ampi, straordinari percorsi di visita oltre a offrire proposte particolari e poco note, come il Museo dell'Opera o gli Itinerari Segreti (solo con accompagnatore).
E'inoltre parte del percorso integrato de I Musei di Piazza San Marco, che include, con un unico biglietto, anche la visita al Museo Correr, al Museo Archeologico Nazionale e alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana.

Museo Correr
Ha sede negli spazi dell'Ala Napoleonica di Piazza San Marco e, in parte, delle Procuratie Nuove. Nato dalla collezione che Teodoro Correr lasciò alla città nel 1830, offre vari percorsi di visita: dalle sale neoclassiche, con le importanti sculture di Antonio Canova, alle raccolte storiche sulle istituzioni, le vicende urbanistiche, la vita quotidiana della città, via via fino alla pinacoteca, una delle rassegne più ricche e suggestive della pittura veneziana dalle origini al primo Cinquecento, che comprende opere di Lorenzo Veneziano, dei Bellini, di Carpaccio, Cosmè Tura, Antonello da Messina, Lorenzo Lotto, proposte in un suggestivo allestimento di Carlo Scarpa.
Fondamentali i servizi scientifici annessi al Museo: la Biblioteca d'Arte e storia Veneziana, con la ricchissima collezione di codici e documenti d'archivio, il celebre Gabinetto di Stampe e Disegni, l'Archivio fotografico, il Centro per la catalogazione e produzione multimediale.
E' incluso nel percorso integrato, con biglietto unificato, de I musei di Piazza San Marco, assieme a Palazzo Ducale, al Museo Archeologico Nazionale e alle
Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana.

Torre dell'Orologio
La Torre, in Piazza San Marco, è una delle più originali costruzioni dell'architettura veneziana del primo Rinascimento. Il prezioso meccanismo dell'orologio è stato recentemente restaurato, mentre si sono da poco conclusi i restauri dell'edificio, rendendo di nuovo la torre accessibile a piccoli gruppi con accompagnatore.

AREA DEL SETTECENTO
Ca' Rezzonico - Museo del Settecento veneziano
Ha sede a Palazzo Rezzonico, opera di Longhena e Massari. Ospita importantissime opere pittoriche del Settecento Veneziano, dai Tiepolo a Rosalba Carriera, dai Longhi ai Guardi a Canaletto, ambientate in un contesto di preziosi arredi e suppellettili dell'epoca. Notevolissime donazioni, tra cui spicca quella di Egidio Martini, hanno recentemente arricchito il museo di altre trecento opere di artisti che includono Cima da Conegliano, Alvise Vivarini, Bonifacio de' Pitati, Tintoretto, Sebastiano e Marco Ricci e ancora i Tiepolo, i Longhi, Rosalba, Francesco Guardi.

Palazzo Mocenigo
Dimora gentilizia a San Stae, conserva preziosi arredi e dipinti settecenteschi. É sede del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, che si compone di ricche e articolate raccolte, provenienti da diverse collezioni. Di esse, il museo espone una selezione di pezzi rari di tessuti e costumi- di particolare pregio. Il corpus del patrimonio è custodito nella imponente tessilteca. Il Museo offre inoltre agli studiosi una notevole biblioteca specializzata nel settore.

Casa di Carlo Goldoni
Casa natale del celebre commediografo, si trova a Palazzo Centanni, a San Polo. Ospita un piccolo museo goldoniano ricco di moderne suggestioni didattiche oltre al celebre teatrino di marionette proveniente da Ca' Grimani ai Servi e già incluso nelle collezioni di Ca' Rezzonico. Soprattutto importanti sono l' archivio e la biblioteca (oltre 30.000 opere) di testi e studi teatrali con manoscritti originali.

AREA DEL MODERNO
Ca' Pesaro - Galleria Internazionale d'Arte Moderna
Il museo ha sede a Ca' Pesaro, il più importante palazzo barocco della città, opera di Baldassarre Longhena.
Vi sono ospitate importanti collezioni otto-novecentesche di dipinti e sculture, tra cui spiccano capolavori di Klimt, Chagall e notevoli opere da Kandinsky a Klee, da Matisse a Moore, oltre a una ricca selezione di lavori di artisti italiani e un importante gabinetto di grafica.
I recenti lavori di restauro, su progetto di Boris Podrecca e Marco Zordan, sono stati realizzati a partire da un'attenta rilettura del palazzo e della sua storia, recuperandone gli elementi più significativi e favorendo i collegamenti tra l'edificio ed il tessuto urbano circostante.
E' incluso nel percorso di visita, con biglietto unificato, anche il Museo d'Arte Orientale, ospitato al terzo piano del palazzo.

Museo Fortuny
Ha sede nell'omonimo palazzo di campo San Beneto, trasformato da Mariano Fortuny nel proprio atelier di fotografia, scenografia e scenotecnica, creazione di tessili, pittura: di tutte queste funzioni l'immobile ha conservato ambienti e strutture, tappezzerie, collezioni. E' inoltre dotato di notevoli collezioni fotografiche e tradizionalmente è sede di attività legate alla comunicazione visiva.
Attualmente è interessato da lavori di restauro che lo rendono solo parzialmente fruibile. Nel frattempo, il Museo può ospitare attività espositive sia al piano nobile che nello spazio al pian terreno, dedicato a mostre temporanee; continuano altresì le attività museali e di laboratorio.

I MUSEI DELLE ISOLE
Museo del Vetro
Ha sede nell'isola di Murano, a Palazzo Giustiniani. Le collezioni sono ordinate cronologicamente: oltre alla sezione archeologica, che comprende notevoli reperti romani tra il I e il III secolo dopo Cristo, vi si trova la più vasta rassegna storica del vetro muranese con importanti pezzi prodotti tra il Quattrocento e il Novecento, tra cui capolavori di rinomanza mondiale.

Museo del Merletto
Ha sede nell'isola di Burano. Vi sono esposti circa duecento rari e preziosi esemplari che documentano l'evoluzione dell'arte del merletto a Venezia dal Cinquecento al Novecento. Il museo conserva inoltre l'archivio della celebre Scuola fondata da Andriana Marcello nel 1872, per un secolo importante realtà culturale e imprenditoriale della città.

LA SCIENZA E LA LAGUNA
Museo di Storia Naturale
Ha sede nel Fontego dei Turchi, sul Canal Grande. Istituzione scientifica di notevole rilievo, ospita molteplici collezioni e un'importante biblioteca; è sede anche di attività di monitoraggio ed indagine sulla laguna di Venezia e la sua fauna. I lavori di restauro in corso rinnoveranno completamente l'allestimento, i percorsi di visita, la fruizione delle raccolte, secondo un ordinamento che terrà conto da un lato della loro origine collezionistica, dall'altro delle più moderne concezioni espositive e didattiche.
Sono oggi visitabili due interessanti sale: una dedicata alla spedizione scientifica Ligabue e alla scoperta dell'Ouranosaurus nigeriensis, uno dei più rari e interessanti reperti di dinosauro del mondo, esposto insieme al cranio e parte dello scheletro del coccodrillo gigante Sarcosuchus imperator, in un contesto allestitivo di grande suggestione; l'altra - al piano terra- presenta il nuovo grande acquario delle tegnùe, che riproduce lo straordinario ambiente delle formazioni rocciose naturali situate al largo della costa veneziana (le tegnue) e la loro biodiversità, il tutto presentato con un ricco apparato illustrativo Riapertura totale entro il 2006

Planetario di Venezia
Il Planetario di Venezia è uno dei più grandi in Italia per grandezza e caratteristiche. È uno strumento ottico-meccanico che si utilizza per riprodurre in modo estremamente realistico la volta celeste, inserito nell'apposito edificio, appena costruito nel nuovo parco verde dell'area dell'ex Luna Park sul lungomare D'Annunzio al Lido di Venezia. Capace di sessanta posti a sedere, è completamente accessibile ed è gestito dall'Associazione Astrofili Veneziani che vi svolge attività divulgative e didattiche nel campo dell'astronomia e dell'astrofisica.


VISIT OUR SPECIAL OFFER

Überprüfen Sie online die Preise und die Verfügbarkeit!

Zurück

Sind Sie ein Nozio Traveller?

Sind Sie ein Nozio Traveller?
Nutzen Sie Ihre persönlichen Extra-Rabatte >